DLF Roma


RSS News


da "Er Vangelo seconno noantri"

di Bartolomeo Rossetti


Intanto a Roma er Capo dell’Impero


t’aveva combinato er censimento

pe’ ogni suddito, bianco, giallo o nero,

senza eccezione, fosse o no contento.

Doveva scomodasse er monno intero

e presentasse ognuno al reggimento.

 
Letto l’editto der governatore

lui disse: “ Ce mancava pure questa,

chissà che j’è passato pe’ la testa

a quer brav’omo dell’Imperatore!


D’inverno, co’ sto’ freddo che se more,

cor rischio de incoccià quarche tempesta,

mò ce tocca partì tutti, a la lesta,

e annà laggiù, pe’ forza o per amore.


Così Giuseppe piantò sega e pialla

e, presa la Madonna sotto braccio

a piedi cor fagotto sulla spalla,


s’incamminò a la stracca, lemme lemme.

E tutto infreddolito, poveraccio,

prese la strada de Gerusalemme.


Lì partiveno come capitava,

s'accodaveno a quarche carovana,

un via vai de cammelli, 'na buriana

de gente stanca morta che viaggiava.

 
E la sera che er branco se fermava,

doppo marciato 'na giornata sana,

se sentiva soffià la tramontana,

e la Madonna, oddio! Come tremava!

 
Passarono tre notti allo scoperto

e de giorno viaggiavano alla lesta,

sotto er sole cocente der deserto.

 
La Madonna, cor manto su la testa,

seguitava a marcia cor passo incerto,

portanno un po’ de robba ne la cesta.

 
Doppo ave' pe' tre giorni camminato,

stanchi morti, co' quela confusione

d'emigrati da tutta la nazione,

arivati a Betlemme, de filato,

 
se presentò Giuseppe ar delegato

de Roma, pe' segnasse sur libbrone.

E poi je prese la disperazione,

co' Maria, lì, che stava in quelo stato,

 
senza pote' trova' 'n'anima pia,

che la facesse stenne sopra un letto

pe' rifiatasse, povera Maria!

 
Tutto era pieno zeppo come  'n'ovo

Giuseppe sospirava: “ Armeno un tetto,

Signore mio, me dichi ‘ndo lo trovo?

 
Gira e gira, domanna a questo e a quello,

bussa a tutte le porte, moje mia,

né albergo, né locanna, né osteria,

tutto sprangato a son de chiavistello.

 
E allora San Giuseppe, poverello,

pe’ ristorà la Vergine Maria,

voleva sistemalla ‘ndo se sia,

cercava de trovaje un cantoncello,

 
armeno ‘na capanna, o quarche stalla.

Così incontrò pe’ strada un pecoraro

irzuto, co’ ‘n agnello su la spalla;

 
che j’additò, laggiù, dietro er pajaro,

‘na grotta pe’ li bovi, calla calla:

lì armeno ce trovavano un riparo.

 
C'era sortanto un briciolo de muro

e lui disse: “ Coraggio, cara moje,

semo soli,  nessuno ce riccoje,

armeno qui potemo sta’ ar sicuro”.

 
Faceva freddo, s’era fatto scuro,

a lei j’erano prese già le dojie,

e lui je fece un letto co’ le fojie,

pe’ nun falla sdraia proprio sur duro.

 
Ne la grotta c’aveveno da un lato

un bove e dall'artro lato un asinello,

che un po' li riscallaveno cor fiato.

 
Giuseppe la coprì cor su’ mantello

e annava avanti e indietro, preoccupato,

che già stava pe’ nasce er bambinello.


Anonimo Siciliano


Quannu nta lu munnu si sparsi la nutizia

c’avia nascitu lu Bambineddu,

‘nta la rutta e dintra ‘na manciatura,

lu picuraru, la lavannara, lu lignamaru,

e tutti li boni genti si parteru

pi purtarci quarchi cosa.

Lu picuraru ci purtau ‘na fascedda china di ricotta.

La lavannara li panni e li fasci

e lu lignamaru un mazzu di ligna.

Tutti si parteru.

E si parteru puru li tri Re di l’ Orienti

chi foru portati ‘nta la grutta di la stidda

chi c’ insignava lu caminu.

Li tre Re purtaru unu oro, l’autru incenzu e l’autru mirra.

E dopu chi dettiru a la Marunna tutti ddi cose,

foru sempre felici e cuntenti.
Loading ...